Aggiungi ai preferiti

Home Page   Presentazione e Storia dell'Istituto

L'istituto si presenta

Presentazione e storia
Piano Offerta Formativa
Elenco Progetti da attuare
Giornale

Indirizzi di Studio

Industria ed Artigianato:    
Elettrico
Elettronico
Meccanico/Tecnologico
Meccanico/Termico

Agricoltura
Agroindustriale
Agroambientale

Servizi Commerciali e turistici
Gestione Aziendale
Servizi turistici

Aree

Articoli
News
Albo di Istituto
Programmazioni didattiche
Area Alunni
Area Progetti
faq
Cerca nelle aree

Accesso Area Riservata

accesso area riservata Login
Informazioni

iisfaranda.it

Laboratori/aule speciali
Forum
Note legali e Privacy

Accessibilità

Accessibilità
Mappa del sito

 


Meteo
Orari Ferrovie
Voli


Ultimo aggiornamento:
08 agosto, 2006 14.06
 


 
 
                                                                                                                  

        L'Istituto ha tre sezioni:

Industria ed Artigianato (IPIA)  - Via Kennedy 2 - Patti - Tel 094121039

Agricoltura ed Ambiente  (IPAA) - Via Trieste 42 - PATTI - Tel 094121760
Servizi Commerciali e Turistici (IPSCT) - C.da S.Giacomo - NASO - Tel 0941961138

 

La sede dell'Istituto di Istruzione Superiore Gepy Faranda di Patti

Presentazione
e

S
toria dell'Istituto


       
L’istituto Statale d’Istruzione Professionale “Gepy Faranda” di Patti è stato istituito il 1° ottobre 1970 con l’indirizzo  Meccanico per il conseguimento del diploma di qualifica di Tornitore Meccanico. Qualche  anno dopo venne introdotto il biennio post-qualifica . Nel  1975  è stato attivato l’indirizzo  di Elettrotecnica con la qualifica di “Installatore di apparecchiature elettriche ed elettroniche” che ha offerto la possibilità agli allievi di inserirsi facilmente in aziende del settore e di trovare impiego presso l’ENEL.  Nell’anno 1992, con l’adozione  del progetto P2, il diploma di qualifica assume i titoli di “operatore elettrico o elettronico” (= settore elettrico)  e “operatore meccanico” (= settore meccanico).
Nell’anno scolastico 2000/2001 è stato attivato il Corso per “operatore termico” che prepara gli allievi ad operare nel settore di impianti idrici, termici, osservando  le nuove normative di sicurezza, risparmio energetico e rispetto dell’ambiente.
Nel 1997, a seguito della razionalizzazione degli Istituti Scolastici, viene aggregata all’istituto la sezione IPAA (Agricoltura e Ambiente) di Patti (precedentemente dipendente dall’Istituto Professionale per l’Agricoltura e l’Ambiente di Barcellona Pozzo di Gotto) con l’indirizzo agro-industriale, avviato sin dal 1992. L’istituzione dei diplomi di qualifica conseguibili alla fine del III anno di frequenza e immediatamente spendibili nel mercato del lavoro, ha fatto conoscere alla  sede un discreto incremento delle iscrizioni di allievi che hanno così avuto l’opportunità di abbandonare la tradizionale visione del mondo rurale per proiettarsi in  un’ottica di sfruttamento delle risorse agricole di tipo industriale, ma sempre compatibile con la salvaguardia dell’ambiente. A partire   dal 1990 erano già stati istituti i corsi Post-qualifica con i progetti di III area finanziati dalla Regione Sicilia. La sede IPAA di Patti  in questi anni ha realizzato i seguenti progetti:

Progetto operatore degli Agro-eco-sistemi Forestali e Montani con l’obiettivo di far acquisire agli allievi una maggiore professionalità nel campo del vivaismo forestale e nella gestione, nel trattamento e nella salvaguardia del patrimonio forestale.

Progetto operatore per la trasformazione e valorizzazione dei prodotti zootecnici
, il quale ben si addice ad una realtà territoriale che, soprattutto nei paesi limitrofi dell’entroterra  (da cui confluiscono molti degli alunni iscritti), ha basato da secoli la propria economia sull’allevamento del bestiame, sulla trasformazione del latte (produzione di formaggio pecorino,  vaccino, provole e ricotta) e delle carni suine (salumi realizzati con la specie “Suino nero dei Nebrodi).

Progetto operatore del Turismo Verde
per permettere agli allievi di acquisire quelle competenze necessarie  per poter creare e gestire un’attività agrituristica o potervi operare. Tutto ciò per  soddisfare la richiesta di una larga fascia di turisti che, ai percorsi tradizionalmente artistici o balneari vuole aggiungere l’esperienza della riscoperta di antichi sapori ed avere un contatto più vero con un mondo rurale ricco di tradizioni che il fenomeno crescente della globalizzazione rischia di far scomparire.In  questi ultimi anni, l’Istituto ha cercato di allargare gli orizzonti culturali e professionali dell’utenza attraverso progetti PON e POR di indubbio valore che hanno contribuito ad arricchire l’offerta formativa.   

Infine, nel 1998, si unisce  la sezione IPSCT (Servizi Commerciali e Turistici) di Naso già ex sede associata dell’allora IPSCT “Antonello” di Messina .

Anche per l’Istituto di Naso l’introduzione dell’area di professionalizzazione ha finito per collegare strettamente l’Istituto al mondo economico e alla struttura sociale della zona. Gli studenti frequentano lezioni tenute da esperti che giungono dalle aziende, dalle banche, dagli enti, su argomento specifici della professione, che possono essere modificati di anno in anno in base alle esigenze del mercato del lavoro.

L’introduzione dell’indirizzo turistico nell’anno Scolastico 1999-2000,  ha incrementato notevolmente il numero degli iscritti, in quanto l’Istituto è l’unico sul territorio. Esso, infatti  offre valide opportunità per un rapido inserimento lavorativo in questo settore che sta cercando di svilupparsi grazie allo sforzo che i Comuni della limitrofa Costa Saracena stanno attuando per favorire l’insediamento di servizi per lo  sviluppo del turismo locale di tipo artistico, naturalistico e gastronomico.

I progetti d’Istituto e  di terza area di questi ultimi anni, infatti, sono stati finalizzati alla formazione degli studenti  affinché possano  operare nel campo del turismo locale. Gli stages a cui hanno partecipato hanno dato modo di conoscere il ricco patrimonio culturale e naturalistico  dei Nebrodi.

I tre istituti devono tener presente che per il futuro la sfida si gioca sempre più sulla formazione professionale; le aziende presenti sul territorio, sebbene non numerose, sono disponibili alla collaborazione, ma per la pratica lavorativa di stage hanno bisogno di allievi ben preparati professionalmente ed in grado da subito di svolgere i compiti assegnategli. In caso contrario il rischio che si corre è che tutto finisca col frenare, anziché sviluppare, quella collaborazione scuola-mondo del lavoro indispensabile a fornire all’allievo una formazione professionale adeguata in grado di garantirgli valide prospettive di lavoro.


Strutture

        La scuola si trova nell'immediata periferia di Patti  ed è collegata con i comuni limitrofi da apposite linee di pullman di linea e/o linea ferrata
Gli studenti, per raggiungere la scuola, usufruiscono di mezzi di trasporto appositamente adibiti allo scopo, che partono dalla stazione ferroviaria di Patti ed arrivano direttamente nel cortile dell'Istituto.

Nell'edificio si trovano la biblioteca, laboratorio multimediale collegato alla rete locale d'istituto e ad internet (linea ADSL), laboratori di computer-graphic, laboratorio elettronico, elettrotecnico, di misure, di sistemi, termico, tecnologico, di macchine utensili, di analisi chimico-fisiche, laboratorio linguistico.

La sede centrale, in via Trieste 42 a Patti
 
  Regolamento delle Studentesse e degli Studenti


torna su Torna a inizio pagina ...  
 
Istituto Istruzione Superiore "Gepy Faranda" - Via Trieste n°42 -  98066Patti (Messina)
Tel. 0941 21760 - Fax 0941 22328 - E-mail:
 isip.faranda@tiscali.it - © 2005 - Tutti i diritti sono riservati -
webmaster: Prof.Ing.Basilio SIDOTI